L’opera teatrale inedita è liberamente tratta dal romanzo “Joe Petrosino. Il mistero del cadavere nel barile” del giornalista Salvo Toscano, ed andrà in scena il sabato alle ore 21 e la domenica alle ore 17.45

Si conclude in bellezza la stagione del teatro Sant’Eugenio di Palermo – Direzione artistica Pupella con la rappresentazione dell’opera teatrale “Joe Petrosino e il delitto del barile”, scritta e diretta da Marco Pupella, che è in programma sabato 6 maggio (ore 21) e domenica 7 maggio (ore 17,45). L’opera, è tratta dal romanzo del giornalista Salvo Toscano dal titolo “Joe Petrosino. Il mistero del cadavere nel barile” (Newton Compton Editori). Una nuovissima produzione teatrale per una rappresentazione che trae origine da un reale fatto di cronaca nella New York dei primi del ‘900, e che vedrà in scena gli attori: Massimo Pupella, Massimiliano Sciascia, Leonardo Campanella, Federico Cimò, Valentino Pizzuto, Daniela Pupella, Mirko Ingrassia, Fabiola Arculeo, Luciano Sergiomaria, Franscesco Grisafi, Nando Chifari e Vincenzo Aiello. Fonica a cura di Giuseppe Borruso, e progetto luci di Alessandro Pupella.

New York, 1903. Dentro un barile abbandonato in un marciapiede, viene ritrovato un cadavere che riporta orrendi segni di mutilazione, i primi sospetti ricadono subito sulla criminalità italiana e questa, non può non essere un’indagine per il sergente Giuseppe “Joe” Petrosino, il “dago”, nonchè il più noto detective neworkese. Petrosino, che ha origini campane, inoltre, è l’unica persona, all’interno del Dipartimento di Polizia di New York, che riesce a muoversi e passare inosservato tra le strade di Little Italy, comprendendo perfettamente i dialetti del sud Italia ed interpretando tutte quelle simbologie e modus operandi delle prime organizzazioni criminali mafiose, tra queste, la temuta “Mano nera”. L’indagine, però, per Joe Petrosino, sarà più complicata del previsto, poichè dovrà imbattersi non solo contro i pericolosi Padrini, ma anche contro i forti pregiudizi verso gli immigrati italiani.

“Il romanzo – spiega l’autore del libro, Salvo Toscano – è basato su una storia vera che vide il grande poliziotto italoamericano Joe Petrosino affrontare la prima famiglia mafiosa di New York, in anni in cui gli italiani in America, da ‘migranti’, vissero sulla propria pelle il pregiudizio e la discriminazione”.

“Nella stesura –, aggiunge Marco Pupella, che ha curato la sceneggiatura – ho evidenziato, tra le altre cose, come la mafia siciliana, più temibile ed organizzata, si sia sostituita alla Mano nera di New York”.

Petrosino e il delitto del barile

Prima nazionale: sabato 6 maggio 2023 | ore 21.00

Replica: domenica 7 maggio 2023 | ore 17.45

Biglietti: intero € 15 – ridotto under 12 e over 65, € 12

Dove: Teatro Sant’Eugenio, piazza Europa 39/41, Palermo

Info e prenotazioni: 091 6710494 | 347 6567725

http://www.teatrosanteugenio.it/