L’opera di Alessio Arena sbarca in India

In India è stata appena pubblicata l’edizione in lingua inglese del libro “Il cielo in due” di Alessio Arena, già autore di numerosi libri e detentore di altrettanti riconoscimenti in Italia e all’estero. Il volume, edito in Italia da Edizioni Ex Libris, è stato tradotto da Andrea Emanuele, che ha curato anche le note, e pubblicato in India dall’editore Yayati Madan G Gandhi Group of Publication. L’immagine di copertina dell’edizione indiana, come quella dell’edizione italiana e di tanti altri libri di Arena, è stata realizzata appositamente da Mattia Pirandello.

“Ogni libro è un incontro. – ha dichiarato Arena – E i libri, come le persone, non ci appartengono mai. Talvolta qualcuno di loro fugge verso terre lontane, superandoci, sorprendendoci, illudendoci di poterlo seguire. In ogni caso, non possiamo, non dobbiamo trattenerlo. ‘Il cielo in due’ ha segnato una svolta nella mia produzione letteraria. L’ho amato, l’ho odiato, ne sono stato geloso. Poi all’improvviso, ne ho sentito la mancanza. Adesso si è ripresentato a me in una lingua nuova e diversa, magistralmente maneggiata da Andrea Emanuele. Ringrazio l’editore e il pubblico indiano per aver creduto in un progetto ambizioso, che supera i confini europei, offrendomi la possibilità di dialogare attivamente, su larga scala, con nuovi lettori.”

Biografia di Alessio Arena:

Alessio Arena è nato a Palermo il 12 ottobre 1996. Nel 2018 si è laureato in Lettere presso l’Università degli Studi di Palermo. Nel 2020 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze storiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Dal 2018 conduce «La biblioteca di Babele», rubrica di lingua e cultura italiana trasmessa dalla Radio Nazionale argentina. Dal 2018 è collaboratore della sezione «lingua italiana» di Treccani. Dallo stesso anno è Ambasciatore del C. P. per il Club per l’Unesco di Matera attraverso il progetto «Distributori di Poesia». Dal 2020 cura il programma di cultura italiana “L’altra Italia” per la Radio del Comitato degli Italiani all’Estero di Rosario (Argentina). Nel 2019 è nominato cultore di storia del costume presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo. Nell 2020 è nominato cultore di letteratura e filosofia del teatro, di storia dello spettacolo e di storia del cinema e del video presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale tra cui nel 2016 il I Premio Internazionale «Salvatore Quasimodo», nel 2018 il Premio «Virgilio Giordano» e il Premio «Italia Giovane» a Roma, nel 2019 il Premio Internazionale della World Poetry Conference in India e nel 2020 il Premio «Costa Normanna» della Fondazione Maison France-Italie. Nel 2021 è finalista al Premio Internazionale Dostoevskij. È, inoltre, curatore della collana di poesia contemporanea “Metro” per la casa editrice Edity. Ha pubblicato in numerose riviste e antologie poesie e articoli scientifici e divulgativi di argomento letterario, artistico, teatrale, linguistico e storico. Ha pubblicato, fino ad oggi, nove libri, tra cui cinque raccolte di poesie e due saggi. Alcune sue opere sono state tradotte in inglese, spagnolo e arabo. Nel 2014 ha curato la raccolta di poesie scritte da Nino Quaranta, intitolata «Poesie rustiche». Nel 2015 ha pubblicato la raccolta «Discorsi da caffè». Nel 2016 ha pubblicato la raccolta «Cassetti in disordine» (Mohicani Edizioni) e la raccolta «Lettere dal Terzo Millennio» (Mohicani Edizioni). Nel 2017 pubblica la raccolta «Campi aperti» (Edizioni Ex Libris). Nel 2018 pubblica il saggio «Il mondo a ribaltone. Il teatro nel gesto di Dario Fo» (Edizioni Ex Libris). Nel 2019 pubblica la raccolta «Il cielo in due» (Edizioni Ex Libris). Nello stesso anno pubblica, con Elisa Iacovo, il libro-intervista «L’importante è che non diventi un’abitudine» (Anscarichae Domus). Nel 2020 pubblica il saggio «Nero accidentale» (Palermo University Press) e il monologo «La vena verde. Liberamente ispirato alle lettere di Maria Antonietta Portolano Pirandello» (IQdB Edizioni). Alessio Arena è anche autore della postfazione del saggio «Il fumetto come arte» (2018, Edizioni Ex Libris) e delle prefazioni del romanzo «Avevamo vinto tutt’e tre» (2019, Edizioni Ex Libris), della raccolta di poesie «Strega comanda colore» (2020, Edizioni Ex Libris) e del diario «Ai tristi tempi del coronavirus» (2021, Edizioni Ex Libris).