Sciascia e l’arte. Esce “Ai pochi felici” di Giuseppe Cipolla

Arriva nelle librerie italiane il testo che racconta l’interesse di Leonardo Sciascia per l’arte scritto dallo storico dell’arte Giuseppe Cipolla 

Sciascia diceva: “Mi piacciono i pittori che nel loro immediato rapporto con la realtà, le forme, i colori, la luce, sottendono la ricerca di una mediazione intellettuale, culturale, letteraria. I pittori di memoria. I pittori riflessivi. I pittori speculativi. Un sistema di conoscenza che va dalla realtà alla surrealtà, dal fisico al metafisico”. È è proprio sulle sue parole che è incentrata la struttura di “Ai pochi felici”, il testo Edizioni Caracol, scritto dallo storico e critico d’arte Giuseppe Cipolla, disponibile in libreria e nei portali online.

Al centro del lavoro, l’intricato e, per molti versi, insondato universo “sciasciano”, che scaturisce dal suo ininterrotto rapporto con le arti figurative dal Rinascimento al Novecento. Dell’appassionato interesse di Sciascia per le arti visive in generale, restano innumerevoli scritti elaborati in occasione di presentazioni e cataloghi di mostre, così come per la stampa periodica e le riviste d’arte. Grande attenzione dedicava anche all’arte contemporanea siciliana, presentando le mostre degli artisti più amati, ai quali fu, spesso, legato da sincera amicizia. La sua scrittura d’arte colta e militante, somiglia per l’ampiezza di prospettive e chiavi di lettura a uno straordinario caleidoscopio critico, dove, in un vitale dialogo fra immagini e parole, si combinano e si avvicendano rimandi letterari, simboli iconografici, suggestive intuizioni, insieme alla costante attenzione alle denunce sociali sempre sottese da un acuto spirito analitico.

La prefazione è del noto storico dell’arte Gianni Carlo Sciolla (1940-2017). «Questo volume – dice Giuseppe Cipolla – è frutto di una lunga ricerca iniziata nel 2007 come tesi di dottorato di ricerca in studi storico-artistici all’Università di Palermo. Il volume intende fornire al lettore una visione d’insieme degli interessi del grande intellettuale siciliano per le arti visive dal Rinascimento al Novecento. Un caleidoscopio critico inedito e molto significativo, quindi, per la cultura estetica del Ventesimo secolo».

NOTE SULL’AUTORE – Giuseppe Cipolla (Agrigento 1981), storico e critico d’arte, allievo di Gianni Carlo Sciolla all’Università di Torino. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni di storia dell’arte moderna e storiografia artistica tra Ottocento e Novecento. Dalla pittura di paesaggio (Il paesaggio nella pittura fiamminga e olandese tra Cinquecento e Seicento, Elede, 2006) al Manierismo (Luca Cambiaso, Silvana Editoriale 2007) al Seicento (Nell’ombra di Caravaggio. Sciascia e la Natività di Palermo, 2018). Ha curato il catalogo generale della Gipsoteca dell’Accademia di Belle Arti di Palermo (2016) e il volume su Benedetto e Pasquale Civiletti (Caracol, 2019). Il suo ambito di studi è rivolto al rapporto tra letteratura e arti visive, con un volume su Luigi Pirandello e la critica d’arte (2017), e in particolare una lunga ricerca sugli scritti d’arte di Leonardo Sciascia, con partecipazioni a convegni e contributi in riviste specialistiche («Annali di Critica d’Arte»; «Letteratura&Arte»). Dopo un dottorato di ricerca all’Università di Palermo, dal 2011 ha ricoperto incarichi di insegnamento in università italiane e straniere (Cina, Spagna, Bulgaria). Attualmente ricopre la cattedra di Stile, Storia dell’Arte e del Costume presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo.