Strage di via D’Amelio – il Parlamento della Legalità Internazionale “Per non dimenticare”

Dopo la giornata culturale vissuta a “Villa Plasi”, Menfi, sul tema “Legalità e impegno” continua il tour di incontri culturali programmati per ricordare la strage di via D’Amelio dove persero la vita il giudice Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina , Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Claudio Traina.

Il Parlamento della Legalità Internazionale, movimento culturale interconfessionale e apartitico nato proprio dopo le stragi del ‘92, porterà un messaggio di speranza e di riscatto nella regione Campania con un incontro/dibattito sabato 18 luglio nella città di Battipaglia e domenica 19 luglio nella città di Lauria- Basilicata. “tra tanta indifferenza e sub cultura dell’odio – dice Nicolò Mannino. Presidente del Parlamento della Legalità Internazionale- siamo chiamati a volgere il nostro sguardo verso via D’Amelio, verso quell’albero d’ulivo simbolo di pace e di rinascita. Abbiamo un grande debito- disse Paolo Borsellino ricordando Giovanni Falcone- verso di lui e lo dobbiamo pagare gioiosamente. Facciamo nostre queste parole, questa esortazione di Paolo , solo allora le renderemo giustizia stando dalla parte di chi crede nella cultura dell’amore, dell’onestà e della bellezza. Noi Parlamento della Legalità Internazionale facciamo la nostra parte” .Durante gli incontri culturali in Campania e Basilicata verrà presentato il libro (scritto da Nicolò Mannino e Salvatore Sardisco) dal titolo “Peccatori sì, corrotti mai”, pubblicato da Edizioni Ex Libris di Carlo Guidotti, già consegnato a Papa Francesco il quale lo ha citato in una omelia nella Santa messa nella Cappella di Santa Marta in tempo pasquale e che porta proprio una lettera a favore di una cultura di pace a firma papa Francesco.