#hijabfreechoice. Il velo islamico libera scelta, mai obbligo

“Il nostro è un invito alla riflessione, avente l’obiettivo di stigmatizzare tutti quei pregiudizi culturali che vedono la donna con indosso il velo, una donna sottomessa” dichiara Giorgia Butera

Mete Onlus, associazione basata in Italia, impegnata nella difesa dei diritti umani e delle libertà democratiche internazionali lancia la Campagna: “#hijabfreechoice. Il velo islamico libera scelta, mai obbligo”. L’idea nasce dall’unione di Giorgia Butera (Presidente Mete Onlus e Sociologa) e Tiziana Ciavardini (antropologa culturale e giornalista).

L’iniziativa “#hijabfreechoice. Il velo islamico libera scelta, mai obbligo”, è inserita nel più ampio progetto “Women’s Rights International Campaign”, e segue il percorso già intrapreso con la campagna a tutela della libertà delle donne iraniane, per estendersi a tutte le donne del mondo affrontando, di volta in volta, aspetti socio-culturali e di giustizia legati al mondo femminile internazionale. Afferma, Tiziana Ciavardini: “La questione del velo islamico comunemente chiamato Hijab é stata spesso terreno di scontro culturale e politico. In una società in preda alla confusione, al pregiudizio, agli stereotipi ed alla dilagante islamofobia è necessario battersi per i diritti di chi in questo velo connota un valore religioso e simbolico e non un emblema di arretratezza culturale ed obsoleta. Altresí é nostro compito condannare aspramente chi del velo vorrebbe farne un uso coercitivo nei confronti delle donne. Il velo islamico deve essere sempre una libera scelta individuale e nessuna imposizione può essere ammessa o tollerata. Questa campagna nasce in supporto di tutte quelle donne che decidono di liberarsi dal velo islamico quando é personificazione di un obbligo e di un’imposizione, ma é anche a sostegno  di quelle donne che nel velo islamico percepiscono un segno di riconoscimento della propria tradizione, cultura, religione ma soprattutto di appartenenza identitaria.” Prosegue, la Butera: “Il nostro è un invito alla riflessione, avente l’obiettivo di stigmatizzare tutti quei pregiudizi culturali che vedono la donna con indosso il velo, una donna sottomessa. Non è così. Bisogna distinguere a quale tipo di velo ci riferiamo, è innegabile che per alcuni (burka, ad esempio) si tratti di costrizione, e privazione della stessa identità. Conosco molto donne musulmane velate, sono donne emancipate, e con una alta affermazione di se stesse. Icone del sotfpower.  Il nostro obiettivo è una condivisione fra donne, anche non musulmane, per capire cosa si prova a indossare il velo e per diffondere la consapevolezza che l’hijab non è un segno di oppressione, ma può essere liberamente scelto dalle donne”.

Giorgia Butera e Tiziana Ciavardini, che hanno firmato la campagna per Mete Onlus, insieme stanno lavorando ad una pubblicazione editoriale sulla questione del velo islamico. “#hijabfreechoice. Il velo islamico libera scelta, mai obbligo” è sostenuta dalla Associazione Protea Human Right, presieduta da Sara Baresi.