Nastri d’Argento 2019, Don Masino sbaraglia tutti. A Taormina comanda lui

Regia, sceneggiatura, montaggio, colonna sonora, miglior attore protagonista Favino e tra i ‘non protagonisti’ Luigi Lo Cascio e Fabrizio Ferracane, entrambi siciliani

Stravince Il film di Marco Bellocchio ai Nastri d’Argento 2019 che chiudono a Taormina stasera la 73.ma edizione. Sette riconoscimenti, su undici nomination, permettono all’ultimo lavoro di Bellocchio di essere il ‘miglior film’ premiato, anche per la regia, la sceneggiatura, il montaggio, la colonna sonora ma soprattutto, per il miglior protagonista Pierfrancesco Favino e tra i ‘non protagonisti’ Luigi Lo Cascio e Fabrizio Ferracane, attori entrambi siciliani. Si tratta di un trionfo assoluto, dopo il successo a Cannes e la del pubblico in sala, anche a Taormina, in un’edizione che ha visto candidati alcuni film tra i più significativi della stagione e ben sette registi pluripremiati. La rassegna, giunta quest’anno alla sua 73.ma edizione è realizzata, come oramai di consuetudine, con il sostegno del Mibac – Dg Cinema e, come main sponsor, da BNL Gruppo BnpParibas.

Marco Bellocchio e il cast de “Il traditore”

Anna Foglietta viene premiata come ‘migliore attrice protagonista’ per “Un giorno all’ improvviso” e Marina Confalone viene riconosciuta come miglior ‘non protagonista’ per “Il vizio della speranza”. A Paola Cortellesi va il premio come ‘migliore attrice di commedia’ per “Ma cosa ci dice il cervello” e a Stefano Fresi va il doppio premio con il Nastro per il miglior attore di commedia e il ‘Nino Manfredi” consegnato dalla moglie di Nino, Erminia e dalla nipote Sarah Masten. Il film vincitore come ‘commedia è “Bangla” dell’esordiente Phaim Bhuiyan. Tra i premi assegnati a Roma ricordiamo i ‘Biraghi’ per gli esordienti: Chiara Martegiani per il film “Ride”, Pietro Castellitto per “La profezia dell’armadillo” e Giampiero de Concilio per “Un giorno all’improvviso” mentre viene assegnato a Benedetta Porcaroli per “Tutte le mie notti a Taormina”, tra le più giovani rivelazioni dell’anno. Per il talento giovane, alla quarta edizione il ‘Premio Graziella Bonacchi’, destinato ad una rivelazione di quest’anno, ha segnalato la giovane protagonista di “Ricordi?” Linda Caridi.

(Ro.G.)