Si chiude l’era Bonafede, alla Foss arriva Antonino Marcellino

Catanese, 57 anni, professore universitario di musicologia a Roma, insegnante di storia della musica all’istituto Bellini di Catania, animatore di numerosi festival, Antonino Marcellino è il nuovo sovrintendente

Dopo le polemiche, la Fondazione dell’Orchestra sinfonica siciliana, fiore all’occhiello del Teatro Politeama di Palermo, ha una nuova guida. Il presidente Musumeci aveva tentato di opporsi al cda, commissariando la Fondazione, ma senza fortuna. Il nuovo sovrintendente succede a Ester Bonafede, sostenuta da Micciché, alla guida della Foss. Si tratta di Antonino Marcellino, catanese, 57 anni, professore universitario di musicologia a Roma, insegnante di storia della musica all’istituto Bellini di Catania, animatore di numerosi festival nel Catanese. La decisione è stata adottata nel tardo pomeriggio dal Consiglio di amministrazione guidato da Stefano Santoro con i voti a favore dei consiglieri Giulio Pirrotta, in rappresentanza del Comune, e di Sonia Giacalone, in rappresentanza dei lavoratori Foss. Il nome del professore Marcellino era tra i 34 che avevano aderito all’avviso pubblico diffuso dalla Fondazione due mesi fa. Marcellino ha incontrato l’orchesta, che gli ha tributato un lungo applauso e non ha nascosto la sua emozione. “Era la stessa emozione che mi guidava nel leggere questo nome quando per undici anni mi sono trovato al Fondo Unico dello spettacolo, a decidere i finanziamenti per gli enti musicali – dice il nuovo sovrintendente – un’orchestra che ha una storia, l’orchestra di Ottavio Ziino e Celibidache.”