Due dipinti di Vincent Van Gogh, rubati 17 anni fa, tornano finalmente a disposizione del pubblico

Dopo una ricerca durata 14 anni in un’indagine su un gruppo malavitoso legato alla mafia italiana, le autorità hanno recuperato i dipinti in Italia nel 2016. Il personale del museo ha trascorso oltre due anni esaminando il danno ai dipinti e ripristinandoli

Nel 2002, i ladri hanno rubato i due quadri del pittore olandese, chiamati “View of the Sea at Scheveningen” e “Congregation Leaving the Reformed Church in Nuenen“, dall’Amsterdam’s Van Gogh Museum. Usarono una scala per accedere al tetto del museo e così riuscirono ad eludere i sistemi di sicurezza. Dopo una ricerca durata 14 anni in un’indagine su un gruppo malavitoso legato alla mafia italiana, le autorità hanno recuperato i dipinti in Italia nel 2016.
Il personale del museo ha trascorso oltre due anni esaminando il danno ai dipinti e ripristinandoli. Mercoledì 17 aprile scorso, finalmente, li hanno appesi di nuovo nelle gallerie del museo.
“Siamo lieti di poter mettere in mostra queste opere significative della nostra collezione nel museo, a cui appartengono – ha affermato il direttore del museo Axel Ruger in una nota – I conservatori hanno fatto un ottimo lavoro e ora i dipinti torneranno in mostra permanente nella loro piena gloria, perché tutti possano vederli”. I dipinti, che risalgono al 1880, subirono un trattamento di conservazione prima che tornassero al pubblico.

Van Gogh – View of the Sea at Scheveningen – courtesy of Amsterdam’s Van Gogh Museum

View of the Sea at Scheveningen“, uno dei primi lavori di Van Gogh in pittura ad olio, era già stato danneggiato durante la sua precedente permanenza nel museo. È uno dei due soli paesaggi marini che Van Gogh ha dipinto nei Paesi Bassi, secondo il museo. Nell’angolo in basso a sinistra mancava un pezzo di vernice, ma i conservatori del museo lo riempirono con uno restauro stampato in 3D che riproduceva le pennellate originali. Il pezzo, probabilmente, si è strappato quando il dipinto è stato rimosso dalla sua cornice, ha dichiarato il museo. Durante il processo di conservazione, hanno trovato i resti di una firma “Vincent“. Tuttavia, il museo crede che Van Gogh stesso non l’abbia scritto.

Van Gogh – Congregation Leaving the Reformed Church in Nuenen – courtesy ofAmsterdam’s Van Gogh Museum

Fortunatamente, “Congregation Leaving the Reformed Church in Nuenen” non ha subito danni, afferma il museo. Il dipinto raffigura la chiesa di Nuenen, una città nei Paesi Bassi, dove il padre di Van Gogh era il ministro. Il museo ha scoperto che entrambi i dipinti erano ricoperti da una vernice che non c’era prima e che si era ingiallita nel tempo. I conservatori hanno rimosso gli strati di vernice e ritoccato i dipinti. Nel processo di rimozione della vernice da “Congregation Leaving the Reformed Church in Nuenen“, hanno scoperto un altro strato di vernice che probabilmente fu applicato a Van Gogh. È a base proteica e segna la prima volta che un tale strato di vernice è stato trovato nei primi lavori del pittore. Il museo ha anche selezionato nuove cornici per entrambi i dipinti perché i ladri hanno rimosso quelli precedenti.

(Ro.G.)